top of page

Dio ama offrire misericordia e riversare benedizioni su tutti

Ci sembra utile offrire un breve commento in merito Fiducia Supplicans, e lo prendiamo da un articolo sul sito di Charis website.


Lo scopo principale della Dichiarazione è quello di distinguere tra le benedizioni liturgiche e rituali, che possono essere concesse solo a «cose, luoghi o circostanze che non contraddicono la legge o lo spirito del Vangelo» (10), e le «benedizioni semplici» . questo può essere donato a tutti, perché Dio non rifiuta mai di benedire chi ha bisogno e chiede il suo aiuto.

In questo senso, c’è ben poco cambiamento riguardo alle benedizioni nella Chiesa oggi. I sacerdoti possono invocare una benedizione praticamente su qualsiasi cosa e chiunque. Le benedizioni sono supplicanti; implorano Dio il suo aiuto e la sua grazia. Nell'Antico Testamento il faraone viene benedetto da Giuseppe, l'asino viene benedetto dalla parola e anche le case e il bestiame vengono benedetti. Le benedizioni sono indiscriminate nel senso che non è richiesta alcuna purezza morale o rituale. Aronne e i sacerdoti potevano invocare le benedizioni di Dio su tutto Israele, buoni e cattivi. Oggi è abbastanza comune che molte persone portino i propri animali domestici a farsi benedire in occasione della festa di San Francesco. Tuttavia, non tutto ciò che è benedetto, né tutti coloro che sono benedetti, vanno in paradiso.

Coloro che vivono nel peccato, indipendentemente dalle circostanze, possono chiedere e ricevere una benedizione. Se un cane o un oggetto possono essere benedetti, quanto più può essere benedetto qualcuno creato a immagine e somiglianza di Dio. Questa non è una novità. L'antica consuetudine della liturgia è che al termine della messa il sacerdote invochi la benedizione su tutti i presenti: cattolici e non, santi o peccatori. Chiunque può ricevere una benedizione sacerdotale. Ciò però non vale per i sacramenti. I sacramenti sono di un ordine diverso dai sacramentali e dalle benedizioni generali. Devi essere cattolico e in stato di grazia per ricevere l'Eucaristia.

La Dichiarazione non crea una nuova pratica della Chiesa, nonostante i titoli dei media secolari. Questo documento nega categoricamente qualsiasi cambiamento nella «dottrina eterna della Chiesa» (4). Gli individui possono essere benedetti con una semplice benedizione, indipendentemente dal loro stato d'animo, e non con “unioni omosessuali” o altre situazioni irregolari, come i matrimoni civili di divorziati o le unioni poligame. Il documento afferma inequivocabilmente che «la Chiesa non ha il potere di benedire le unioni tra persone dello stesso sesso» (5). Ciò si ripete ancora nel confermare nel Responsum del 2021 che le unioni omosessuali non possono essere benedette perché la Chiesa non può benedire il peccato: «Per questo motivo, poiché la Chiesa ha sempre considerato moralmente lecite solo le relazioni sessuali vissute nel matrimonio. , la Chiesa non ha il potere di conferire la sua benedizione liturgica quando questa offrirebbe, in un modo o nell'altro, una forma di legittimità morale a un'unione che si pretende matrimonio o a una pratica sessuale extraconiugale» ( 11). Le benedizioni liturgiche possono riguardare l'unione di un uomo e di una donna nel matrimonio. Le benedizioni generali al di fuori della liturgia riguardano solo persone, luoghi o cose, ma non il vincolo di alleanza riservato al matrimonio. Ciò significa che le coppie dello stesso sesso possono essere benedette come individui, ma non la loro unione perché va contro il piano e la volontà di Dio per il loro bene.

La Dichiarazione fornisce alcune indicazioni riguardo a questa semplice benedizione. Le benedizioni di coloro che vivono in unioni irregolari devono essere rivolte ai singoli individui ed essere “spontanee”, “brevi” e “semplici”. Non devono avere alcuna cerimonia o “rituale di benedizione delle coppie in situazione irregolare” (38). Le benedizioni “non dovrebbero mai essere impartite contemporaneamente o anche in connessione con le cerimonie di un’unione civile. Né si può realizzare con abiti, gesti o parole adeguate al matrimonio. Lo stesso vale quando la benedizione viene richiesta da una coppia dello stesso sesso. (39).

La Dichiarazione corrisponde al desiderio di Papa Francesco di cambiare l'approccio pastorale e il tono della Chiesa, non la sua Tradizione o le sue dottrine. Il suo focus è la “prospettiva pastorale” e la “pratica pastorale” e l’accoglienza dei peccatori con misericordia e amore, ma non dichiara che non esiste il peccato. L'enfasi principale è che coloro che cercano una benedizione cercano, per necessità e debolezza, l'aiuto di Dio. «Chi chiede una benedizione mostra di aver bisogno della presenza salvifica di Dio nella sua vita e chi chiede una benedizione alla Chiesa la riconosce come sacramento di salvezza che Dio offre» (20). Chi può rifiutare la benedizione se chi la chiede «esprime una richiesta di aiuto da parte di Dio, una chiamata a vivere meglio e una fiducia in un Padre che può aiutarci a vivere meglio» (21)? Infatti, tale benedizione apre la porta alla grazia trasformante (vedere 25), può aiutare coloro che la ricevono a comprendere meglio la vera volontà di Dio per la loro vita (vedere 32, 40). Questo racconto della benedizione come richiesta e ricerca di Dio si adatta alla testimonianza biblica e alla Tradizione della Chiesa. Rispondere generosamente a tali richieste, infatti, è un appello tempestivo del nostro Santo Padre: il suo appello alla “carità pastorale” (13).

Questa carità pastorale conta sulla misericordia di Dio. Troppo spesso oggi c’è una misericordia a buon mercato che abbraccia il peccatore e non dice nulla sul problema del suo peccato. La carità pastorale richiede che anche noi amiamo e sopportiamo pazientemente il peccatore, ma richiede anche che lo amiamo così tanto da non lasciarlo schiavo del peccato e ignaro della sua sempre presente minaccia alla salvezza. In realtà la Chiesa lo fa da duemila anni. In questo senso, la Dichiarazione afferma chiaramente che queste benedizioni non sono destinate a coloro che desiderano sancire o legittimare la loro unione (cfr FS 34, 40). Qualsiasi attenta applicazione pastorale dell’approccio Fiducia Supplicans dovrebbe tenere conto del fatto che alcune coppie dello stesso sesso cercano conferma delle loro scelte. Durante la benedizione, il ministro della benedizione deve verificare se l'intenzione dei coniugi è chiara e se sono pronti «ad aprire la propria vita a Dio, a chiedere il suo aiuto per vivere meglio, e anche a invocare lo Spirito Santo perché siano rispettati i valori. ​del Vangelo può essere vissuta con maggiore fedeltà” (FS 40). Dobbiamo avere una fede pastorale nella misericordia di Dio per imprimere in coloro che si confrontano con la verità che Dio ama il peccatore ma rifiuta il peccato e dà la grazia della conversione. Sant'Agostino testimonia la misericordia di Dio, che ha talmente convinto la sua coscienza da portarla alla redenzione e alla salvezza. La sfida più seria per coloro che vivono nel peccato è sbagliarsi riguardo ai propri peccati. Sant'Ambrogio accompagnò Agostino con la carità pastorale, ma questa carità non nascondeva la verità e comprendeva un appello alla conversione.

Poiché dare una semplice benedizione a una coppia dello stesso sesso è una questione pastorale, spetta a ciascun vescovo usare il suo “potere di discernimento” per decidere cosa è possibile e cosa è meglio “in questo luogo concreto che conosce meglio degli altri”. precisamente." perché è il suo gregge” (comunicato stampa del FODD relativo all’accoglienza dei Fiducia Supplicans, 4 gennaio 2024). Tuttavia, dobbiamo ascoltare l'appello di Papa Francesco, echeggiato nella Dichiarazione Fiducia Supplicans, a riflettere l'atteggiamento del nostro Dio che ama mostrare misericordia e riversare le sue benedizioni.

 

Mgr. Peter SMITH, vescovo ausiliare di Portland, Oregon

Mgr. Etienne VETÖ,vescovo ausiliare di Reims (Francia).

87 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

コメント

5つ星のうち0と評価されています。
まだ評価がありません

評価を追加

COM

FAMIGLIA EMMAUS.fw.png

COMUNICAZIONE

COMUNIONE

COMPASSIONE

CONTATTO

319 Ave. Colonnello Picot

83100 Tolone (FRANCIA)

Telefono. +39 347 7554400

emmaus.com.center @ gmail.com

bottom of page