top of page

Quando l'Amore vuole dimorare in noi

1/ Vengo a casa tua, vuoi?

« Zaccheo, scendi presto, oggi devo dimorarea casa tua » (Lc 19,5) Il giorno che hai scelto di seguire Gesù, non è stato perché hai capito quanto eri importante, amato in modo unico? Non ti ardeva il cuore durante questo incontro? Molte testimonianze di conversione attestano l'Amore di Gesù che guarisce, che solleva, che libera. È l'inizio di una nuova vita. In effetti, Gesù estende questo invito a me personalmente durante tutta la mia vita. Zaccheo non era la persona con cui pensavamo di vedere Gesù dimorare. Gesù non gli chiese di cambiarsi prima di andare a casa sua. Così come era, gli chiese di accoglierlo. Gesù non ha paura di ciò che siamo, di ciò che non va in noi, di ciò che puzza. Non verrà a giudicarmi. Conosce i miei punti deboli, ma non li sottolinea. Sta solo aspettando il consenso per agire. È l’Amore che bussa alla porta. Anche se lo conosco da molto tempo, è oggi che Gesù mi chiede ancora: vuoi che venga a stare con te? Mi lascerai agire in te? Accetti di darmi la tua vita oggi così come sei ? Vuoi accogliere il mio Santo Spirito, risvegliare il soffio che ti ho donato il giorno del tuo battesimo? Ogni giorno Gesù sta lì aspettando il nostro incontro, assetato di questo tempo d'amore condiviso.

2/ Chi è colui che vuole stare con me?

È questo Padre misericordioso che aspetta il figlio perduto, che dice continuamente: “Figlio mio, tu sei sempre con me e tutto ciò che è mio è tuo” (Lc 15,31). È un padre che non smette mai di chiamarci per nome . Dio desidera che io venga costantemente a Lui, per incontrarlo, nell'intimità con Lui, in una relazione di Amore condiviso. Da gentiluomo non entrerà nella mia casa se non gli apro la porta del mio cuore. Si aspetta solo un SI da te per agire. Non aver paura delle tue debolezze, ci dice il Signore. Attraverso il mio spirito voglio rivelare tutti i tesori che ho depositato in te e che attualmente sono sepolti. Desidero portarti nella mia pace, nella mia gioia. Così come sei, dove sei, puoi essere testimone per gli altri, se vuoi. Lo vuoi?

3/ Quale chiamata all'amore ricevo?

Che testimonianza d'Amore sono oggi? Seguendo Gesù, spinto dallo Spirito, ho misericordia per coloro che incontro nella sofferenza? Mostro gesti d'amore nella mia famiglia, per mio marito, mia moglie, i miei figli e altri membri della famiglia? San Paolo ci dice “Anche se parlassi in lingue, quella degli uomini e quella degli angeli, se mi manca l’amore, sono un metallo sonoro, un cembalo che tintinna. » (1Cor 13,1). Non parla di questo amore facile che oggi ci viene venduto un po' ovunque, ci parla dell'Amore, dell'amore di Gesù, dell'amore del Padre. Questo amore che si dona, che perdona, questo Amore che dona la sua vita sulla croce per salvarmi, per salvare coloro che mi circondano, coloro che incontro, coloro che il Signore ha messo sulla mia strada. È lui che ha il cuore trafitto che ha sete del nostro “”. Quando guardo le sofferenze abominevoli, le umiliazioni che Gesù ha sofferto per la nostra salvezza e che lui mi dice “vieni dietro a me e ti farò pescatori di uomini” (Mt 4,19), sono pronto a dire SI lo voglio? Come Abramo, che non conosceva il piano di Dio, accetterò di partire? Come Maria, non avrei capito tutto, ma Lei ha detto “SI”, e ha rinnovato costantemente questo abbandono, anche ai piedi della croce, nella sofferenza. E nel cammino della vita, attraverso la risurrezione di Gesù, Ella è stata sempre presente nel cuore di questa Chiesa nascente. Oggi siamo noi ad essere invitati a questo “SI” quotidiano, a questo di Abramo, di Maria, dei Discepoli, dei Santi. Lo stesso “” che Gesù ha dato al Padre suo nel Getsemani accettando di morire sulla croce “non come voglio io, ma come vuoi tu” (Mt 26,39). Perché è a un Padre misericordioso che diciamo sì. È invitando il suo Santo Spirito ad essere presente con me ogni giorno che anch'io potrei amare come Gesù “amatevi gli uni gli altri come io ho amato voi” (Gv 15,12). È Lui che mi farà superare il mio “Signore"... ma questo lo vedi com'é... hai visto cosa mi ha fatto o come sta... cosa fa…. Nella Chiesa, siamo testimoni di Gesù affinché tutti possano esclamare «Guardate come si amano» (Gv 13,35). Riconosciamo con gioia i talenti, i carismi e i doni degli altri, non siamo gelosi, e facciamo crescere ciò che il Signore ci dona, nel suo amore. Accompagniamoci con amore fraterno in un cammino di santità. In questo tempo di Quaresima sono consapevole delle mie debolezze, ma non voglio soffermarmi su di esse. Poiché confido nel mio Dio nel tuo Amore, so che il prezzo dei miei peccati è stato pagato, che nemmeno la morte mi tiene più. Quindi Signore, confido in te, ti dico “SI”, ti do la mia vita, te la restituisco ogni mattina. Prendilo, insegnami, guariscimi, fai di me quello che vuoi. Signore, so che mi ami e ti do questo “SI” come segno del mio amore per te. Espandi il mio cuore ogni giorno un po' di più affinché il mio sia ogni giorno un po' più grande. Possa io essere un seminatore del tuo amore. Fa' crescere l'amore attraverso il tuo Santo Spirito per i miei fratelli e sorelle, soprattutto per quelli che mi danno fastidio, che mi hanno ferito. Insegnami ad essere al servizio degli altri come te, rimproverami quando perdo la pazienza o le critiche, insegnami a rifiutare la gelosia. Lo sappiamo tutti, l'amore si dona gratuitamente, non aspettiamoci alcun riconoscimento in cambio. Signore, rendi il mio cuore impaziente per i nostri incontri quotidiani, fa' che io sia ricolmo della tua misericordia affinché trovi in ​​te la grazia di essere ogni giorno un po' più testimone d'amore verso gli altri. Affinché quando sarai alla mia porta io sia ansioso di questo incontro; ha sgombrato in me la fonte d'acqua viva che troppo spesso ho sepolto, l'ha fatta sgorgare come fonte di vita.


Béatrice Grosjean

99 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Comentarios

Obtuvo 0 de 5 estrellas.
Aún no hay calificaciones

Agrega una calificación

COM

FAMIGLIA EMMAUS.fw.png

COMUNICAZIONE

COMUNIONE

COMPASSIONE

CONTATTO

319 Ave. Colonnello Picot

83100 Tolone (FRANCIA)

Telefono. +39 347 7554400

emmaus.com.center @ gmail.com

bottom of page